Come si produce lo Scotch Whisky?



Ad ottobre, insieme ai miei amici e colleghi del GreenBar di Fano, siamo stati 5 giorni in Scozia per un breve viaggio spiritoso alla scoperta dello Scotch Whisky!

In questo articolo vi spiego, spero in maniera semplice e chiara, come nasce il Whisky di malto scozzese.

La produzione dello Scotch Whisky

Maltazione

La prima fase della produzione del whisky è la maltazione. La maltazione consiste nell’immergere l’orzo in acqua per qualche giorno e farlo germinare.

 

Questo processo serve a fare in modo che sia più facile avviare il processo di fermentazione.



Una volta germinato, l’orzo viene trasferito nel kiln, una grossa stanza con il pavimento forato, al di sotto del quale, una fonte di calore (tradizionalmente fuoco) viene utilizzata per generare calore ed essiccare l’orzo. Se al fuoco viene aggiunta torba (carbone giovane), il whisky finale avrà il caratteristico aroma affumicato.

torba
Torba

La fase della maltazione ora non viene più fatta direttamente in distilleria, ma da delle ‘malterie’ esterne, tuttavia è ancora possibile vedere i kiln, dal tradizionale tetto a ‘pagoda’, come ben visibile nella foto della distilleria Dalwhinnie che apre questo articolo.

Mashing

Una volta essiccato l’orzo viene macinato in una polvere grossolana chiamata grist (pron. grèst).

grist
Grist

Il grist viene poi immerso in acqua calda all’interno della grossa tanica che vedete nella foto qua sotto. Qua dentro, un enorme braccio meccanico, miscela acqua e grist finché la maggior parte degli zuccheri dell’orzo entrano in soluzione nell’acqua.

Questo liquido molto zuccherino prende il nome di wort. Lo scarto solido viene trasformato in pellet, usati come alimenti per animali.



mashing-2

mashing
Il braccio meccanico miscela grist e acqua per produrre il wort

Fermentazione

Il wort viene poi trasferito nelle taniche di fermentazione, nelle quali vengono anche versati i lieviti. Il wort viene fatto fermentare per alcuni giorni. Ciascuna distilleria fermenta per un tempo diverso a seconda del profilo aromatico che vogliono ottenere.

fermentazione-whisky-tank
Le taniche di fermentazione
fermentazione-whisky
Il wort che fermenta. Le bolle indicano la produzione di anidride carbonica

Distillazione

Dopo la fermentazione il wort ha raggiunto circa 9%vol di alcol. A questo punto viene distillato una prima volta per ottenere un prodotto alcolico, dal tenore alcolico appena superiore al 20%vol, chiamato low wine.

Il low wine viene poi mandato nel secondo alambicco (generalmente più piccolo) dove viene distillato fino al 65-70%vol di alcol. Il distillato prende il nome di new spirit. Per la legge scozzese non è ancora whisky.

alambicchi-whisky
A destra, l’alambicco più grosso è quello per produrre il low wine. I tre più piccoli a sinistra sono quelli per produrre il new spirit.

Durante la seconda fase della distillazione vengono separate le teste e le code dal cuore. La separazione avviene all’interno della spirit safe. La spirit safe è chiusa a chiave e può essere aperta solo in presenza di un funzionario statale.

spirit-safe
La spirit safe

Invecchiamento

A questo punto il distillato viene travasato in delle botti di rovere dove precedentemente era stato invecchiato whiskey americano.
Affinché si possa chiamare whisky deve essere invecchiato almeno 3 anni. Ciascuna distilleria invecchia per tempi diversi.

Il processo di invecchiamento trasforma il distillato, conferendogli spesso aromi dolci, come quello di vaniglia.

Durante l’invecchiamento, ogni anno, evapora circa il 2% del whisky all’interno della botte. Questa parte che evapora è il famoso angel’s share, la parte degli angeli. Una piccola curiosità: nella distilleria Dalwhinnie l’angel share è inferiore al 2% perché la temperatura media annuale è di circa 6°C.

invecchiamento-whisky

Dopo la fase di invecchiamento il whisky può essere imbottigliato oppure utilizzato per dei blend.

Questo è in breve il processo produttivo dello Scotch Whisky. Mi sono voluto focalizzare solo sulle fasi più importanti, senza entrare in specifiche tecniche o dettagli, perché questo non è un blog sulla merceologia di prodotti alcolici. Per approfondire vi consiglio di leggere SapereBere, il famoso blog di Fulvio Piccinino cliccando qui.

Buona miscelazione,
Giovanni

Condividi:
Condividi:

Giovanni Ceccarelli

Sono l'ideatore e coordinatore del blog e del progetto Cocktail Engineering. Per pagarmi gli studi universitari dal 2007 ho iniziato a lavorare come bartender in diversi locali tra Pesaro, Fano e la Riviera romagnola. Nel 2010 mi sono laureato in Ingegneria Energetica (ben presto ho capito che quella non è la sua strada). Dal 2011 sono docente in Drink Factory nei corsi di Miscelazione Avanzata e Preparazioni Home made. Dal 2013 al 2016 ho scritto di scienza e cocktail sulla rivista BarTales. Nel 2016 ho aperto questo blog e lavoro come consulente per Vargros per il quale seleziono spezie ed altri ingredienti.

error: ATTENZIONE: Tutti i contenuti del sito sono protetti da copyright ©