Fake Patrick’s day: drink in cold brew!

• Twist con Whisky 


Tempo di Lettura: < 1 minuto

Per la rubrica drink vi presento una creazione che proponiamo del The Noble experiment di Santarcangelo di Romagna. Il drink può sembrare elaborato ma vi spiegherò come realizzarlo anche a casa.

Fake Patrick’s day vuole ricordare i sapori della famosissima birra Guinness e dell’Irish Coffee.

Ingredienti

  • 50 ml Jameson Irish Whiskey
  • Fake coffee*
  • Top panna vegetale alle nocciole piemontesi
  • Polvere di barbabietola e luppolo essiccati

Strumentazione

  • Bicchiere da Guinness
  • Jigger
  • Bar spoon
  • Shaker per montare la panna

Preparazione

Versare il whiskey e il fake coffee in un bicchiere da Guinness, montare leggermente la panna (non troppo, altrimenti tende a solidificare) e stratificarla sopra il drink. Con uno spargi-zucchero cospargere la panna con la polvere di barbabietola e luppolo.

Il fake coffee* è ottenuto estraendo in cold brew una polvere macinata di carrube, segale, avena, luppolo e orzo tostato. Il cold brew richiede molto tempo e ci sono diverse tecniche. Per chi non ha una cold brew tower è sufficiente lasciar riposare per 12h il macinato in acqua fresca e poi filtrare attraverso un filtro di carta da caffè americano inumidito o un canovaccio inumidito.

La panna vegetale aromatizzata alla nocciola si prepara aggiungendo della farina di nocciole alla panna.



Cheers!
Jonathan di Vincenzo

© fotografia di Franco Bastoni.

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile potresti pensare di iscriverti alla mia area riservata COCKTAIL ENGINEERING PRO ed entrare a far parte della mia community. Iscrivendoti all’area riservata avrai accesso a tanti altri articoli come questo. Clicca qua per scoprire i vantaggi e iscriverti.

Ingredienti
  • 50ml Jameson Irish Whiskey
  • Fake coffee
  • Panna vegetale alle nocciole
  • Polvere di barbabietola e luppolo essiccati
Strumenti
  • Bicchiere da Guinness
  • Jigger
  • Bar spoon
  • Shaker (per montare la panna)

Condividi:

Giovanni Ceccarelli

Sono l'ideatore e coordinatore del blog e del progetto Cocktail Engineering. Per pagarmi gli studi universitari dal 2007 ho iniziato a lavorare come bartender in diversi locali tra Pesaro, Fano e la Riviera romagnola. Nel 2010 mi sono laureato in Ingegneria Energetica (ben presto ho capito che questa non era la mia strada). Dal 2011 sono docente in Drink Factory nei corsi di Miscelazione Avanzata e Preparazioni Home made. Dal 2013 al 2016 ho scritto di scienza e cocktail sulla rivista BarTales. Nel 2016 ho aperto questo blog e lavoro come consulente per Vargros per il quale seleziono spezie ed altri ingredienti.

error: ATTENZIONE: Tutti i contenuti del sito sono protetti da copyright ©